Informazioni su Marco Tellaroli

Tellaroli Marco Consigliere (Minoranza) comunale di Bracciano Gruppo politico Movimento 5 Stelle Durata dell'incarico Dal 22/06/2016 al 22/06/2021 Pagina comunale: http://halleyweb.com/c058013/zf/index.php/organi-politico-amministrativo/index/detail/categoria/77/idOrgano/GTkRBP-Q-F

Tra 2018 e 2019 grazie al M5S sono stati restituiti allo Stato 185 milioni di euro – Silenzi e Falsità

https://www.silenziefalsita.it/2019/07/24/tra-2018-e-2019-grazie-al-m5s-sono-stati-restituiti-allo-stato-185-milioni-di-euro/

Ma no ai leoni da tastiera l’avete delusi, non importa quanti centinaia di milioni avete restituito.
Tra 2018 e 2019 grazie al M5S sono stati restituiti allo Stato 185 milioni di euro.
Un governo che in poco più un anno ha fatto più di tutti i governi precedenti degli ultimi vent’anni messi insieme, io me lo tengo stretto.

– Decreto Genova, Ischia e terremotati
– Intriduzione Class Action nel codice di procedura civile
– Disinnescato aumento IVA 2019
– Sblocco fondi vincolati dal patto di stabilità
– Codice rosso (legge sulla violenza di genere)
– Decreto Dignità sul precariato
– Campagna plastic-free
– ridotto l’IRES
– ridotto del 32% le tariffe INAIL
– soppressione l’IMU sui capannoni industriali
– aliquota fissa al 15% per piccole imprese
– sgravi per assunzioni a tempo indeterminato
– taglio fondi all’editoria
– abolizione Sistri per imprese
– Incentivi per auto elettriche
– Blocco trivellazioni mediteranno
– 10 mld investiti per il dissesto idrogeologico
– Cancellazione Bolkestain per gli ambulanti
– Bonus assunzioni giovani
– Stretta su delocalizzazioni aziendali
– Fondo 1 mld per Startup innovative
– Quota 100
– Reddito di Cittadinanza
– Legge Spazzacorrotti
– Tagli vitalizi Camera, Senato e Regioni (tranne la Sicilia)
– Taglio pensioni d’oro
– Aumento pensioni minime
– Aumento pensione invalidi
– Aumento assegno sociale
– Taglio di mezzo miliardo alle spese militari
– Norma Braimi contro il pignoramento della prima casa
– Rottamazione cartelle esattoriali vittime Equitalia
– Regolamentazione giochi d’azzardo e pubblicità
– Storico accordo con la Cina su esportazioni

In arrivo:
– Salario minimo garantito
– Decreto Sblocca Cantieri
– Risarcimenti truffati banche
– Taglio del numero dei parlamentari
– Regolamentazione aperture selvagge centri commerciali durante le festività

Io un governo così me lo tengo stretto nonostante tutto anche se in tanti tra quelli con cui ho avuto la fortuna e il piacere di manifestare l’anno scorso non capiranno.

Bracciano, Fake News sugli abbattimenti degli alberi:

Altro che tranquillizzare la cittadinanza sul fatto che i lavori di potatura sono regolari, attualmente i lavori sono sospesi con aggravio di presunti soldi pubblici in fumo.

“Dopo l’intervento di mercoledì 10 luglio dove i Carabinieri Forestali che avevamo fatto intervenire, avevano intimato alla ditta incaricata la sospensione degli “abbattimenti” previsti dal Comune (Ordinanza n.108 del 09-07-2019) di 22 pioppi su 23 esistenti i lavori sono stati sospesi e limitati alla sola potatura di alcuni alberi.”

LE FAKE NEWS DEL SINDACO TONDINELLI NON FUNZIONANO

Comunicati stampa abili strategie mediatiche e politiche per distrarre l’attenzione dal vero problema sollevato “abbattimento di 22 alberi“ con noi questi giochini caro sindaco non funzionano più.

  • I cittadini sono ancora in attesa dei cantieri per l’affidamento dei lavori di asfaltatura di 32 strade comunali “Appalti attenzionati dall’Autorità nazionale anticorruzione” dove sembrerebbero riscontrarsi anomalie nelle procedure negoziate, con un possibile frazionamento artificioso dell’appalto, peraltro ai medesimi operatori.
  • Sono in attesa della promessa di riaprire il campo sportivo a settembre , esito di gara infine andata DESERTA , dove la cittadina attende una sua comunicazione.

Ritornando alla situazione reale “l’abbattimento dei 22 pioppi del Lungolago G. Argenti” è palesemente e SOSPESA!!!

Come affermato dagli esercenti del Lungolago G.Argenti – che siamo andati ad intervistare – le potature e alcuni abbattimenti di alberi che hanno generato malattie con insorgenza di carie, avverranno a stagione estiva conclusa nei mesi autunnali.

Nel frattempo, il Comune, come vedrete nelle foto in allegato, ha numerato tutti gli alberi, per una nuova perizia tecnica.

Alberi numerati

Noi come Consiglieri comunali di minoranza, insieme ad altri cittadini, ci siamo attivati per fare una richiesta di accesso agli atti dei seguenti documenti:
• relazione tecnica,
• delibera di giunta,
• determina dell’area tecnica,
• impegno di spesa,
• relazione dell’agronomo forestale,
• eventuale bando di gara per l’appalto o affidamento
• credenziali della ditta

La documentazione servirà per capire se l’albero è stato schedato come malato o pericoloso per l’incolumità pubblica.
Se l’albero non è ritenuto pericoloso si può intervenire con un’altra relazione di un agronomo o forestale che deve testimoniare con dati alla mano che gli alberi sono sani e non vanno abbattuti.

Insomma caro sindaco, le bugie hanno le gambe corte e le manipolazioni mediatiche non funzionano.

I Consiglieri comunali di Bracciano incalzano ancora una volta il sindaco sul Bando del campo sportivo

Foto di Graziarosa Villani

I consiglieri comunali di opposizione nella giornata della manifestazione delle associazioni sportive di giovedì scorso hanno chiesto al presidente del consiglio la convocazione di un consiglio comunale urgente entro il 25 giugno affinché si votasse una mozione per l’annullamento del bando di gara degli impianti sportivi. Nessuna risposta, nessun riscontro. Per questa ragione tutta l’opposizione in data 24 giugno hanno sollecitato la convocazione del consiglio comunale per domani, 26 giugno in considerazione dell’imminente scadenza del termine per la presentazione delle offerte fissato per il 27 giugno alle ore 10,30. Il Sindaco, durante la manifestazione, ha preso impegni chiari con la cittadinanza. Ignorare ancora la proposta delle opposizioni sarebbe il segnale definitivo dell’indifferenza di Tondinelli alle necessità dei cittadini. I genitori e le società sportive hanno il diritto di essere ascoltati e coinvolti, e fino ad oggi l’amministrazione ha ignorato questo diritto. Pertanto le opposizioni unite anche in mancanza della convocazione del consiglio comunale aperto per domani, chiedono all’Amministrazione di aprire il palazzo comunale ai cittadini, con una assemblea pubblica da svolgere in aula consiliare per parlare del futuro degli impianti sportivi.
Vi abbiamo mostrato come e perché ritirare il bando, se non avete intenzione di farlo, avete il dovere di spiegare la vostra scelta politica alle famiglie e ai cittadini. Non date risposte, non fate un passo indietro, non convocate il consiglio comunale, cosa avete intenzione di fare per dare la possibilità a tutti di partecipare alle decisioni sul futuro di Bracciano?

Mancato rispetto del suo programma elettorale:


Marco Tellaroli

Chiara Mango
Alessandro Persiano
Claudio Gentili
Donato Mauro

——————————————————————————————————————

26 giugno 2019

Un silenzio assordate da parte dell’amministrazione Tondinelli sul bando di gara degli impianti sportivi in scadenza domani alle ore 10.00.

A nulla è servito segnalare le irregolarità del bando e manifestare in Piazza del Comune il nostro dissenso. Il sindaco non risponde, non replica, non concede il consiglio comunale alle opposizioni. Non lo concede e basta.

Nella nota prodotta poco fa dal Presidente del consiglio comunale, viene anche negata la richiesta di utilizzo della sala consiliare per un incontro pubblico sul tema, nascondendosi dietro la nota inviata dalla Responsabile del Procedimento Arch. Sodano, con la quale viene chiesto
alla Città Metropolitana di sospendere la gara per l’affidamento del Campo Sportivo Vergari e di non procedere domani all’apertura delle buste, in attesa di conoscere il parere richiesto dal Sindaco all’ANCI il 18 giugno. Perché nell’incontro pubblico del 20 giugno il Sindaco non ha informato i cittadini di questa richiesta?

Domani si procederà all’apertura delle buste?

Forse sperate che il bando vada deserto basandovi sul numero dei sopralluoghi propedeutici alla presentazione delle domande? A noi risulterebbe che ce ne sia stato uno solo, quanti presenteranno l’offerta?

Da una attenta lettura degli allegati inseriti nel bando di gara degli impianti sportivi, tra l’altro, è emerso che nella relazione a firma dell’arch. Becchetti – la stessa che ha firmato l’annullamento del certificato di agibilità degli spogliatoi ormai 1 anno e mezzo fa – gli spogliatoi vengono valutati in condizioni discrete e stimata una somma di 18.500 euro per renderli nuovamente agibili.

Ci chiediamo: perché sono stati spesi 30 mila euro (oltre che per quattro cancelli che non sono serviti nemmeno a riaprire i soli campi da gioco e la pista di atletica) anche per interdire l’accesso agli spogliatoi quando ne sarebbero stati sufficienti 18.500 per riaprirli?

Perché è stata annullata l’agibilità sulla base di un errore grafico poi rivelatosi infondato per poi accampare come scusa (a voce) l’assenza del certificato di collaudo – peraltro non necessaria – e in questa stima dei costi non si fa nessun accenno ad un eventuale adeguamento sismico?

Perché non è stata accolta quindi la richiesta di ritirare l’annullamento del certificato di agibilità degli spogliatoi, riconoscendo l’errore a fronte della corposa documentazione reperita in archivio, esibita ripetutamente al Sindaco, al Vice Sindaco, al consigliere delegato allo sport e ultimamente protocollata dai rappresentanti delle associazioni sportive?

Perché non è stata data alcuna risposta tempestiva alla nostra richiesta di consiglio comunale aperto ergendo un muro di gomma nei confronti di noi consiglieri e di tutti i cittadini?

Avete informato la cittadinanza che avete intenzione di mettere a bando anche i palazzetti dello sport, come da voi approvato con delibera di giunta?

La totale mancanza di rispetto da parte dell’amministrazione nei confronti dei consiglieri di opposizione, che comunque rappresentano la maggioranza della popolazione, rivela ancora una volta l’inadeguatezza e la scarsa sensibilità nei riguardi dei cittadini, da parte del Sindaco, del Vice Sindaco del Delegato allo sport e, in particolare del Presidente del consiglio nello svolgere i ruoli istituzionali affidatigli.

Il Sindaco ha dichiarato pubblicamente, nell’incontro del 20 giugno, che questo bando alzerà il livello dello sport a Bracciano. Ne prendiamo atto… Per ora vediamo alzarsi solamente il livello dell’indignazione da parte delle Associazioni e delle famiglie di tutti i bambini e ragazzi di Bracciano ancora chiusi fuori dopo 520 giorni dalla chiusura.


I consiglieri di opposizione

CUPINORO: DOPO L’AUDIZIONE IN COMMISSIONE, SI LAVORI PER LA FUTURA TUTELA DEL TERRITORIO

Si è tenuta questa mattina la seduta di Audizione in #XCommissione, relativa all’ormai noto bando dell’Università Agraria di Bracciano. Tra gli Auditi i rappresentanti dell’Università stessa, l’Amministrazione comunale i Consiglieri di minoranza di Bracciano e Cerveteri e la Direzione regionale Politiche ambientali e Ciclo dei rifiuti.

Discarica di Cupinoro

È stata immediatamente chiarita, sebbene lo stesso fosse già stato ritirato, la natura del bando in oggetto: indirizzato ad un impianto di natura aerobica, nel rispetto della gerarchia delle 5 R.

“Ho depositato agli atti e aperto alla condivisione di tutte le forze politiche una bozza di Mozione, volta a tutelare un territorio già gravato dalla vecchia Discarica di Cupinoro: soggetta, come purtroppo altre realtà nella Regione, ad anni di gestione impropria dei rifiuti, con inevitabili ricadute sulla vivibilità dei territori e sulla salute dei cittadini. Al contempo, ho avanzato la possibilità di svolgere un’Audizione in loco: ipotesi accolta positivamente da tutti gli auditi presenti.” lo ha detto il Presidente: X Commissione – Urbanistica, politiche abitative, rifiuti Marco Cacciatore M5S

La Direzione regionale ha comunicato l’imminente messa a gara del progetto di capping della Discarica, che avrà un costo di otto milioni di euro. “Per il quale la Giunta regionale si dovrà impegnare a stanziare, visto che attualmente in bilancio ne risultano soltanto tre” ha fatto notare il Consigliere comunale Marco Tellaroli in sede di audizione. La Direzione regionale inoltre prosegue affermando che é in attesa di escutere la polizza fideiussoria e che l’ iter proseguirà a prescindere dagli esiti delle procedure fallimentari riguardanti il vecchio gestore: la Bracciano Ambiente, soggetto a capitale pubblico.

Auspichiamo le operazioni di capping trovino compimento prima possibile. Chiude il Presidente: X Commissione – Urbanistica, politiche abitative, rifiuti Marco Cacciatore M5S affermando: “la salute della popolazione non ha colore politico, ben venga quindi che sia salvaguardato l’interesse di ambiente e comunità. In questo caso chi ha gestito in maniera poco attenta la Discarica è la Bracciano Ambiente, in altri casi potrebbe trattarsi di soggetti privati che hanno mal gestito evidentemente impianti a rilevanza pubblica: sarà quindi necessario muoversi affinché le spese delle operazioni post mortem vengano ristorate, anche in un momento successivo, da chi dovesse esserne riconosciuto responsabile.”

Bracciano – Oggi si è svolta, presso il Comune di Bracciano, l’assemblea pubblica sul futuro di Cupinoro,

al centro stavolta di un bando emesso dall’Università Agraria (UA) di Bracciano per la concessione di terreni adibiti ad uso civico da affidare a privati per costruire impianti di trattamento e recupero di materia derivata dalla raccolta differenziata, ovvero centrali a biogas. Il suddetto bando è stato emesso senza pensare alle conseguenze per il territorio, senza interpellare i “combattenti” comitati ed i cittadini che hanno già pagato un prezzo ambientale altissimo. Il MoVimento 5 Stelle unitamente a loro ha già depositato sulla vicenda un’interrogazione con la quale i propri Consiglieri Regionali hanno chiesto alla Giunta Zingaretti se il bando rispetti le leggi, soprattutto quelle relative agli usi civici, quali comuni fruirebbero di questi nuovi impianti e, soprattutto, quali azioni si intraprenderanno per riqualificare le aree di Cupinoro che sono ancora in attesa del trattamento post mortem.
All’Assemblea di oggi, insieme ai cittadini e comitati, siamo riusciti a far promettere all’Università Agraria (UA) di Bracciano di ritirare il bando e la statuizione di un documento comune tra le Amministrazioni locali e la stessa UA a memoria dell’incontro odierno e da porre come punto di partenza per l’avvio immediato di un tavolo tematico.
Ci auguriamo che sulla vicenda si diano riscontri alle promesse di oggi, soprattutto risposte e si metta fine definitivamente alla triste vicenda Cupinoro.

21 maggio 2019

Gruppo CNO MoVimento 5 Stelle

interrogazione bando Università Agraria

A Bracciano, importante evento per le Elezioni Europee 2019.

Domani, Venerdì 17 maggio, dalle ore 17,00, in piazza Dante a Bracciano, il Gruppo MoVimento 5 Stelle di Bracciano ha organizzato un evento per far incontrare ai Cittadini i candidati alle prossime elezioni europee, per la Circoscrizione centrale.
Interverranno i candidati, già eurodeputati uscenti, Fabio Massimo Castaldo, vicepresidente del Parlamento europeo, l’eurodeputata Laura Agea, l’eurodeputato Fabio Tamburrano, ed i candidati: Luisa Giuggiolini , Gianluca Macone, Concetta Maestrini e Stella Visconti.
Saranno presenti come ospiti ed interverranno durante l’evento, anche rappresentanti della Camera del Senato e della Regione Lazio: Marta Grande, parlamentare presidente commissione affari esteri, Carla Ruocco, parlamentare presidente commissione finanze, l’On.le Raffaele Trano, la Senatrice Alessandra Maiorino ed i Consiglieri Regionali Davide Barillari, Francesca De Vito e
Devid Porrello.

MoVimento 5 Stelle Bracciano

Evento a Bracciano

+++ BRACCIANO, MANCATA TRASPARENZA SULLA COLLEZIONE ARCHEOLOGICA: GUARDATE CHE COS’È VENUTO A GALLA

Ci mancava anche questa per i cittadini di Bracciano. Il consigliere di minoranza Tellaroli ha scoperto che con la Deliberazione di Giunta Comunale N. 228 del 11 ottobre 2018 il Sindaco Tondinelli ha deciso di acquistare una collezione archeologica di “provenienza incerta” (cit.) degli eredi Panunzi per esporla al Museo Civico, per una somma che si aggira intorno a € 80.000, più altre spese per il mantenimento – ma senza darne una quantificazione.

Le eredi Panunzi con nota del 23.04.2019, “hanno negato il proprio consenso alla consegna delle schede descrittive della collezione da acquistarsi e della lista dei reperti con il relativo valore di stima”, Il consigliere Tellaroli le aveva richieste per compiere il controllo degli atti degli organi decisionali dell’Ente locale, per valutare con cognizione la correttezza e l’efficacia dell’operato dell’Amministrazione.

Così facendo le eredi Panunzi hanno impedita la tutela degli interessi pubblici, che il Consigliere Tellaroli voleva compiere. Eppure esse vogliono vendere la collezione al Comune per renderla pubblica ai cittadini nel Museo Civico… che cosa ci sarà mai in quelle schede di stima e valutazione? Il mistero s’infittisce.

Precisazione. In alcuni casi le Amministrazioni comunali hanno motivato il diniego di accesso con l’esigenza di tutelare la riservatezza dei dati. Al contrario, la giurisprudenza ha chiarito che il diritto di accesso del consigliere comunale sovrasta qualunque esigenza di tutela di riservatezza, in quanto il consigliere stesso è tenuto al segreto, come specificato dall’art. 43 del Testo Unico sugli Enti Locali (sullo stesso tema vedi sentenza del Consiglio di Stato n. 2716 del 2004 e sentenza del Consiglio di Stato, Sez. V, sentenza 2 marzo 2018 n. 1298: «Al consigliere è fatto divieto di divulgare tali dati se non ricorrono le condizioni di cui al D. Lgs 196/2003: nell’ipotesi di eventuale violazione di tale obbligo di riservatezza si configura una responsabilità personale dello stesso»).