Ricorso al TAR della Raggi, contro Determina Zingaretti

 

37537781_1037728383076277_329637438592909312_n
Ho letto con stupore la nota dei Sindaci del Lago, contro la Raggi, dove gli chiedono di ritirare il Ricorso al Tar contro la Determina di Zingaretti.

Il 20 dicembre, dicevamo, l’assemblea dei Sindaci ha deciso di bloccare una volta per tutte le captazioni dal Lago di Bracciano, anche se le captazioni dell’acqua dal Lago di Bracciano erano sospese da 4 mesi, e di provvedere a soddisfare al fabbisogno idrico mediante l’uso dei nuovi strumenti di ACEA, come la potabilizzazione delle acque reflue, nonché attraverso l’individuazione e l’utilizzo di fonti alternative, come le acque del fiume Tevere. Questo anche tenendo conto delle risorse idriche disponibili e delle ridotte riserve utilizzabili nel caso di un eventuale ulteriore peggioramento della crisi idrica.

Questo piano di azione è stato approvato con il voto favorevole di trentanove Sindaci, compresi i Sindaci del lago: Sabrina Anselmo, sindaca di Anguillara Sabazia; Claudia Maciucchi, Sindaca di Trevignano Romano, Armando Tondinelli; Sindaco di Bracciano, e con il voto contrario di soli 3 Sindaci.

Il Piano si fonda su quattro interventi strutturali e prevede un investimento totale di 21.588.647,00 Euro.

Gli Investimenti hanno l’obiettivo di garantire l’approvvigionamento idrico lasciando fuori dalle captazioni il Lago di Bracciano.

Un primo intervento, realizzabile ad un costo di 1.365.000 €, prevede l’avvio di una ricerca idrica nell’Alta Valle dell’Aniene, finalizzata alla realizzazione di alcuni pozzi, che andranno poi ad immettere nell’acquedotto dell’Acqua Marcia 350 litri al secondo.

È inoltre previsto l’adeguamento dell’impianto di trattamento di Grottarossa al D.Lgs.n. 31 del 2001, e la realizzazione di una condotta di collegamento alla rete esistente, che consentirà il recupero di altri 500 litri/secondo, per un ulteriore investimento di 9.998.083 €.

Sarà poi adeguato l’impianto Cobis al D.M. n. 185 del 2003, realizzando impianti di recupero delle acque reflue urbane e di potabilizzazione, e collegandolo al vecchio Acquedotto Paolo, ad un costo di 4.972.247 €.

Infine, investendo ulteriori 5.253.317 €, sarà adeguato l’impianto di Roma Nord al medesimo D.M. n. 185 del 2003, realizzando le opere di potabilizzazione del Tevere e tutto quello che è ad esso connesso.

Questi quattro interventi dovranno essere realizzati assolutamente entro la prossima estate 2018, perché consentiranno di fornire 850 litri/secondo al sistema costituito da Roma e dai Comuni idraulicamente ad essa collegati, andando a coprire le punte di consumo estive, o a fornire un ulteriore apporto in caso di bisogno, andando a sostituire i prelievi dal Lago di Bracciano, che oggi sono stati interrotti a causa del protrarsi dell’abbassamento del livello del lago.

Ed ora, perché la Raggi ha fatto ricorso contro la determinazione della Regione Lazio, guidata da Zingaretti?

È semplice. Innanzitutto va osservato che la determinazione è arrivata il 29 dicembre 2017, successivamente quindi alla decisione presa dall’Assemblea dei Sindaci in Conferenza dei Servizi, unico organo politico e democratico riconosciuto dallo Statuto dell’Ambito di Bacino.

Inoltre, se fosse dato seguito alla determinazione della Regione, decadrebbe l’autogestione dell’Ambito di Bacino composto dai 111 sindaci, e la gestione finirebbe nelle mani di un unico soggetto politico, sarebbe a dire la Regione. Assisteremo alla fine della democrazia territoriale di gestione ATO 2, composta dall’Assemblea dei Sindaci. E questo senza ancora aver obiettato che la determinazione di Zingaretti va in direzione opposta, rispetto alla decisione democratica presa a dicembre nell’Assemblea dei Sindaci, e che le captazioni dovrebbero esser fatte sui pozzi individuati dalla Regione.

Infatti, come leggiamo nella Determinazione, il Direttore Regionale delle Risorse Idriche e Difesa del Suolo ha messo nero su bianco che è ancora presa a riferimento la nota di ACEA ATO 2 del 28 agosto 2017, emessa in piena emergenza idrica, per cercare di ridurre le captazioni dal Lago di Bracciano (la vediamo nell’immagine di seguito):

La determinazione della Regione, inoltre, presenta ulteriori aspetti critici, poiché si trasformerebbe la concessione di cui l’Ambito di Bacino ACEA ATO 2 è titolare in tutt’altro tipo di rapporto.

In altri termini, la Sindaca Raggi sostiene che ACEA debba avere mani libere (non sul Lago, come certi politicanti “esperti” vogliono far credere), in base alla conformità rispetto alla composizione dell’Ambito di Bacino. Senza contare che, con la determinazione regionale, sia l’interruzione delle captazioni dal Lago di Bracciano sia l’eventuale decisione di riprendere i prelievi in caso di emergenza, dovranno essere autorizzate dalla Regione. Perciò, di nuovo, la decisione resterebbe nelle mani di un unico soggetto politico, la Regione, e non più in capo all’Assemblea dei Sindaci, che attualmente può richiedere in modo autonomo una riunione d’urgenza per andare a intervenire sulle crisi idriche territoriali, o su eventuali malfunzionamenti delle reti idriche di ACEA ATO 2.

Possiamo leggere tutto questo nell’immagine di seguito:

Nel testo si afferma ancora una volta, come in una sorta di mantra, che il lago è una riserva idrica strategica solo per il territorio di Roma Capitale, mentre in realtà è la riserva di tutte le reti locali dei Comuni.

In buona sostanza, per concludere: qui non stiamo parlando semplicemente dell’oggetto del contendere, il Lago di Bracciano, che è solo una ripicca, ma della fine dell’acqua pubblica democraticamente gestita dai territori dell’Ambito di Bacino.

Tutti i sindaci, in barba alle comunità che dovrebbero rappresentare e tutelare, con questo scarica barile contro la Raggi tentano di nascondere la realtà dei fatti, ognuno per i propri bisogni o motivi.

Inoltre, la spesa di ben € 21.588.647 Euro approvata il 20 dicembre 2017, sarà pagata dai cittadini attraverso la tariffazione di ACEA: essa si rivelerebbe così il classico esempio di “soldi buttati”, visto che nella Determinazione del Direttore Regionale Risorse Idriche e Difesa del Suolo, si prevede di continuare ad attingere dalle stesse falde acquifere da cui attingono i pozzi attualmente a servizio delle reti locali dei Comuni.
Clicca per leggere anche la NOTA DI PRECISAZIONE Roma, 30 marzo 2018 – ACEA ATO 2

In seguito il 2 febbraio 2018 nella Conferenza dei Servizi avviene l’Approvazione dello schema di convenzione allegato alla DGR n. 30 del 25 gennaio 2018 avente ad oggetto «Ulteriore aggiornamento dello Schema di Convenzione allegato alla DGR n. 263 del 17 maggio 2016 “Convenzione obbligatoria per la gestione dell’interferenza idraulica del sistema acquedottistico Peschiera – Le Capore. Approvazione del nuovo schema di Convenzione”»

Possiamo capire le motivazioni a questo punto,  ed il senso delle esternazioni (una sorta di “urla del silenzio”) ?

I Sindaci hanno approvato il Piano, quindi ora perché preferiscono la Determina di Zingaretti, gettando al vento tutti quei milioni per i potabilizzatori, alcuni di essi già terminati e che saranno capici di sostituire le captazioni nelle falde acquifere dei pozzi indicati da Zingaretti?

Le Falde acquifere, sono o non sono anche le arterie del nostro bacino idrico Lago di Bracciano?

 

Altri articoli al riguardo: https://www.vignaclarablog.it/2018072379652/acqua-del-tevere-rubinetti-roma-nord/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.