Diritti delle Persone con Disabilità

13087641_10206470139334485_3175693925179910563_nAd oggi a bracciano le politiche sulla disabilità si concentrano ancora in un ambito
esclusivamente sanitario, destinando la maggior parte delle risorse a questo settore. I cittadini con disabilità, invece, vivono in una condizione di discriminazione e di mancanza di pari opportunità in tutte le attività della vita, e incontrano pregiudizi, ostacoli e barriere che ne limitano la partecipazione alla sviluppo della società. La continua violazione dei loro diritti umani impedisce l’accesso a beni e servizi e rende problematico il pieno godimento dei diritti di cittadinanza. Il nostro compito come Amministrazione Comunale entrante sarà quello di rimuovere le discriminazioni in tutti gli ambiti della vita sociale e sostenere il conseguimento di un’eguaglianza di condizione attraverso politiche di mainstreaming – considerando cioè la disabilità come un tema trasversale a tutte le politiche e le pratiche più generali – e di supporto alla piena inclusione sociale, tramite azioni che abbiano come obiettivo la vita indipendente delle persone con disabilità». Quello che faremo con forza e determinazione sarà quindi di promuovere, proteggere e garantire il pieno e uguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, come previsto dalla stessa Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.

 

Bracciano, Comune capofila del distretto F3 in materia di politiche sociali, ha una grande responsabilità. La nostra proposta è la creazione di una commissione dedicata e compartecipata dalle associazioni riconosciute, prevedendo anche la possibilità di proporre e redigere delibere in materia. In tal modo saranno garantite la piena trasparenza e l’accesso ai fondi di distretto;
  • Garanzia dei servizi di welfare ;
  • Patrocinio di campagne di prevenzione delle organizzazioni e associazioni locali;
  • Imparzialità e continuità nell’erogazione dei servizi, stimolando e valorizzando anche la partecipazione attiva del cittadino attraverso associazioni di volontariato, organizzazioni pubbliche o private.
  • Giustizia sociale, legalità e riconoscimento della dignità di tutti i suoi cittadini;
  • Piano di Abbattimento delle Barriere Architettoniche. Verifica della situazione attuale e della mobilità dei disabili nella nostra città, coinvolgendo le persone disabili nella verifica e nel collaudo post-lavori;
  • Riorganizzazione, miglioramento e trasparenza dei servizi sociali;
  • destinare una struttura comunale alla gestione di una rete di associazioni composte da giovani;
  • migliorare l’interfaccia tra il Comune e i giovani attraverso i nuovi mezzi di comunicazione (social network e Internet);
  • sostenere lo sviluppo dell’identità dei giovani sul piano socioculturale, e loro la partecipazione attiva a programmi comunitari di mobilità;
  • incrementare le iniziative tese alla valorizzazione della persona anziana nel proprio contesto familiare e nel tessuto sociale, come soggetto rilevante per la società (spazi dedicati all’interno dei vari quartieri, collaborazione con le circoscrizioni per iniziative di tipo culturale, sociale e di attività fisica, convenzioni speciali al fine di sviluppare progetti che favoriscano il contatto tra le diverse generazioni);
  • potenziare i centri diurni per anziani, anche parzialmente autosufficienti;
  • istituire la Consulta per la Disabilità, composta anche da persone disabili;
  • migliorare e potenziare i servizi sociali, garantendo un’adeguata formazione degli operatori;
  • rendere i servizi sociali trasparenti, adottando la Carta dei Servizi Sociali;
  • promuovere la figura dell’Amministratore di Sostegno, in alternativa a quella del tutore che si sostituisce totalmente alla persona in tutte le decisioni della propria vita;
  • inserire sul sito Istituzionale del Comune di Bracciano un link che invii al testo della Convenzione ONU, che consenta l’accesso alla pagina del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dedicata alla disabilità e non autosufficienza che contiene, oltre al testo delle convenzione, anche gli istituti e gli organismi creati in applicazione delle legge di ratifica (Legge 3 marzo 2009, n. 18);
  • disporre la possibilità di accedere alla richiesta degli incentivi per il finanziamento di progetti sperimentali, in materia di vita indipendente e inclusione nella società delle persone adulte con disabilità;
  • Garantire il diritto all’accesso dei servizi senza nessuna discriminazione, con particolare attenzione ai cittadini di Bracciano che si trovano nelle condizioni di maggiore disagio sociale.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.