ALTRE PROPOSTE TRATTE DAL NOSTRO PROGRAMMA DEL #M5S COMPLETO

Raccolta differenziata e potenziamento

Ricollocamento del cassonetto per la raccolta differenziata. Per incentivare la raccolta differenziata e comunque premiare chi la effettua proponiamo dei sacchi con codice a barre, che indichi al suo interno un codice che fa riferimento univocamente ad una famiglia.
Creazione di due nuove isole ecologiche e fare in modo che presso ci sia la possibilità di conferire anche materiale edile di piccole quantità, raccoglitori di oli usati per la frittura casalinga, raccolta di pile e batterie esauste e farmaci scaduti.
Valutare la possibilità di ritiro del materiale RAEE e ingombrante a domicilio, tramite prenotazione, istituendo un numero di telefono al quale i cittadini possono prenotare.
Far funzionare e incrementare sul territorio comunale i contenitori per la raccolta di pile esauste e farmaci scaduti.
Posizionare sul territorio e soprattutto nelle piazze e negli spazi aperti dei raccoglitori di cicche di sigarette. Invitare anche i proprietari degli esercizi commerciali presenti sul territorio a posizionare all’ingresso dell’attività un contenitore per le cicche di sigarette.
Tutela del territorio e delle aree verdi.
Bonificare il territorio dalle discariche abusive anche tramite la collaborazione amministrazione/comitati/associazioni.
Istituire un protocollo d’intesa con le forze di polizia per un controllo più incisivo del territorio per la prevenzione/repressione di reati ambientali.
Promuovere un’assidua campagna di informazione pubblica atta a scoraggiare comportamenti illeciti di abbandono dei rifiuti, educare e sensibilizzare i cittadini al rispetto dell’ambiente e della cosa pubblica.
Fare propri i modelli di manutenzione del verde e delle aree urbane adottati e funzionanti in altre realtà cittadine italiane ed estere.
Posizionare sul territorio comunale raccoglitori per le feci dei cani e fare in modo che i proprietari raccolgano gli escrementi, prevedendo delle sanzioni alle eventuali trasgressioni, come già previsto dal progetto della polizia locale “Io non posso raccoglierla fate voi”.
Istituire dei protocolli d’intesa con associazioni, comitati, attività commerciali e singoli cittadini per l’adozione/cura degli spazi verdi presenti nei centri abitati, presso le scuole, ecc.

Partecipazione alla vita amministrativa.

Far ripartire la consulta delle associazioni prevedendo la possibilità di esprimere pareri da presentare alle varie commissioni comunali su tematiche di carattere ambientale, sull’ istruzione e sui lavori pubblici, in un contesto più generale di partecipazione del cittadino alla vita pubblica, che preveda anche l’attività dell’osservatorio per i bisogni sociali.

Fiscalità locale.

Adesione al protocollo Anci/Agenzia delle Entrate per contrastare l’evasione Irpef. Depotenziato l’obiettivo dal governo Monti, con la non obbligatorietà circa l’istituzione di una commissione tributaria, le amministrazioni più virtuose hanno ottenuto risultati significativi o istituendo ugualmente la commissione tributaria o ricorrendo a collaborazioni esterne con professionisti ad hoc o organizzandosi all’interno delle proprie strutture con personale competente.
Rivedere l’addizionale comunale all’IRPEF, attualmente allo 0,8% per tutti, cioè al max delle possibilità di legge, senza fascia esente. Abbassamento dell’aliquota con soglia di esenzione o, preferibilmente, di rivedere l’addizionale stessa in senso progressivo, secondo le cinque fasce Irpef.
Tasse e tariffe. Progressività basata sul nuovo indicatore Isee (da discutere le soglie/fasce), soprattutto per quanto riguarda i servizi alla persona (trasporti, mense, diritto allo studio,ecc.)

Servizi alla persona.

Confronto con le forze sociali per interventi socialmente equi: Asili nido, RSA, trasporti, minori, disabili, ecc.
Confronto relativo a interventi a sostegno dell’istruzione pubblica, dell’assistenza scolastica e dei servizi pre e post scuola.
Lotta alla povertà. Confronto sulle situazione di bisogno e di indigenza, creando anche un fondo per interventi urgenti e un piccolo sostegno al reddito
Politiche per la famiglia. Studiare iniziative rivolte a famiglie indigenti e/o famiglie che assistono anziani, minori disabili.
Politiche abitative. Interventi contro il disagio abitativo (sostegno affitti, aiuti contro la morosità incolpevole); PGT e aree per l’edilizia residenziale pubblica; recupero del centro storico e delle aree dismesse.

Viabilità e trasporti.

Per dare servizi adeguati ai bisogni dei cittadini e degli anziani, in particolare con problemi di mobilità, progettare una nuova e migliore viabilità, attenta ai collegamenti con i servizi e con le aree ricreative, nonché con funzionali sistemi di parcheggi.

Sicurezza e integrazione.

Nella consapevolezza che accoglienza e sicurezza non possono essere disgiunte, riteniamo importante agire su entrambi i fattori. Per questo può essere utile incrementare momenti di informazione/formazione sul tema dell’integrazione e propone sulla sicurezza buone pratiche basate sulla collaborazione fra vicini.

Servizi per gli animali

Un regolamento comunale per la tutela degli animali d’affezione. Secondo i medici veterinari è di cruciale importanza che la prossima giunta comunale porti a termine i lavori di rinnovo del regolamento per la tutela degli animali, in cantiere da diversi anni. L’Ordine dà massima disponibilità a collaborare per la stesura di un regolamento più snello e moderno, focalizzato sugli aspetti salienti della civile convivenza tra uomo e animali e della tutela del benessere di questi ultimi. Convenzione con medici veterinari liberi professionisti per il soccorso di animali feriti.
Se credi nelle proposte del M5S e sogni Bracciano più bella, pulita, valorizzata, curata e sicura…. Cerca la novità. Nessun politico di professione, nessun condannato, nessuna tessera di partito e solo due mandati al massimo.
Hanno governato tutti… E’ tempo di cambiare!
Una Bracciano bella e pulita è una città dove l’amministrazione lavora bene: vogliamo un governo della città trasparente, condiviso, in grado di attuare ciò che è scritto nel programma.
Da una parte i professionisti “della promessa elettorale”, ovvero i politici che promettono posti di lavoro solo quando si avvicinano le elezioni.
Dall’altra il M5S che ha scritto, studiato e proposto 15 punti di programma per creare un paese migliore:

– piccolo sostegno al reddito
– il sostegno alla piccola e media impresa – il piano energetico nazionale
– un piano per incentivare investimenti produttivi nella nostra zona
– rifiuti zer0
– decoro urbano
– diritto alla scuola
– il sostegno al sociale
– un vero piano e regolamenti per i nostri amici animali
– un taglio agli sprechi della macchina amministrativa
– uno sportello unico per il cittadino e per l’imprese
– il turismo e rivalutazione del territorio
– urbanistica
– lavoro ed economica circolare
– legalità, sicurezza e lotta all’evasione fiscale

La differenza è sotto gli occhi di tutti.

13178689_10206587845157057_2543109834945665453_n

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.