"In Italia una rivoluzione. Lo dicono pure le stelle"

“In Italia una rivoluzione. Lo dicono pure le stelle”

L’astrologa Magliano vede un 2014 di tumulti: “Colpa di Plutone in Capricorno. L’ultima volta causò la presa della Bastiglia”.
Vorrei fare degli auguri non banali. Speciali. In questo nuovo anno uscirà io nostro giornale e si chiamerà (la testata è stata registrata e ci appartiene, dunque non ce la possono rubare) IL DISSIDENTE.
Non soltanto io dissidente da Berlusconi (dirò fra poco) ma io amo i dissidenti, coloro che sanno dissentire da ciò che pensavano fosse il loro ambiente. L’evoluzione delle idee, la qualità del pensiero, è fatta di strappi, di separazioni, rinunce, novità. Accade anche in amore, benché in amore un amore eterno sia la cosa più bella, purché sia amore.
Io auguro all’intera Italia di essere dissidente. Occorre mettere in crisi le idee, i luoghi comuni, possibilmente se stessi. We need to try. Sfidare, dubitare, capovolgere.
Le rivoluzioni politiche ed economiche sono piccole rivoluzioni: semplici mutamenti di macchina. La nuova  macchina viene montata e revisionata e gira e il grosso della operazione è compiuto! Una rivoluzione vera, assai più complessa, è quella che ha per obbiettivo di rimettere a punto la vita segreta di ogni anima. Non si tratta più di revisioni ma di vizi e virtù, richiami profondi e debolezze, di povere speranze che ci sono così care.
Un cuore ermetico, un’anima, e le sue crisi segrete, i suoi slanci, i suoi crolli, gli affetti di un corpo e  i suoi decadimenti, le paure che si nascondono con tanta fatica, la lotta incerta e oscura che è la felicità: ecco la vera rivoluzione. Recare luce ove è ombra, aiutare a rialzarsi chi sta cadendo, reinsegnare a   pensare cose diverse da un corpo, dominare l’imperfetto, elevarsi verso il meglio. Questa è la rivoluzione che può portare una gioia ma che incute tanta paura. Noi tutti avanziamo tra enigmi.
Auguro, in pratica, di non avere più bisogno di dire BISB
(che vuol dire Basta con gli Incapaci, le Sanguisughe e i Bugiardi).
Basta con i lobbyservitori e i frequentatori di “salotti esclusivi”
eletti dalla maggioranza dei cittadini e abilitati a lobbyservire
usando i soldi pubblici.
Non li votiamo!
Facciano i servitori a casa loro!
Un augurio apparentemente poco impegnativo!
Invece sarebbe una rivoluzione!
E tutto, o quasi, in un paese disinfestato, inizierebbe ad essere più
facile, anche per i giovani!
Buon anno a tutti , ma in particolare a tutti quelli che stanno mettendosi a disposizione per fare si, che avremo un mondo migliore.
Auguri
Marco Tellaroli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.